MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ginecologia-ostetricia e urologia   Salute e benessere  

Papilloma Virus: H.P.V., vaccino e dintorni

Dott.ssa Lorella Lazzarini - Ginecologia a Vicenza
Dott.ssa Lorella LAZZARIN
 29 Dicembre 2018

Papilloma Virus, vaccino e dintorni

Una svolta epocale nel campo della prevenzione di una delle malattie più gravi: il tumore del collo dell’utero.

Dieci anni sono passati dall’introduzione della vaccinazione contro l’H.P.V., che inizialmente era solo per le femmine, da farsi entro il 12mo anno di età, ma da circa 3 anni è previsto anche per i maschi. Questo ha portato a un radicale cambiamento sia in termini culturali che scientifici.  
 

Cos’è l’ H.P.V.? 

L’ H.P.V. è il virus del papilloma umano; di questo ne conosciamo più di 100 tipi e tutti possono provocare lesioni della cute e delle mucose dell’apparato genitale (o altre parti del corpo come mani e piedi). L’unica distinzione che si può fare è tra i virus sono a basso rischio e quelli ad alto rischio.  Quelli a basso rischio sono responsabili dei condilomi a livello del perineo e delle mucose della vulva e vagina.Quelli ad alto rischio,invece, detti oncogenici, sono la causa del carcinoma del collo dell’utero (tipi 16/18).

 

Quanto frequente è l’infezione da H.P.V. e cosa provoca?

L’infezione da H.P.V. è molto frequente soprattutto nelle persone giovani e avviene prevalentemente attraverso i rapporti sessuali. Si calcola che circa l’80% della popolazione sessualmente attiva lo contragga almeno una volta nella vita.  In circa la metà dei casi, l’infezione da H.P.V. regredisce spontaneamente nell’arco di un anno e nell’80% dei casi in due anni. In questo periodo può provocare delle anomalie cellulari a livello del collo dell’utero che corrispondono a lesioni lievi L-SIL citologiche o CIN I istologiche. Solo una minoranza delle donne sviluppa un’infezione persistente e questa può portare a lesioni precancerose del collo dell’utero; quelle con un rischio di progressione sono definite ad alto rischio H-SIL citologico o CIN  II  III istologico. 

Perché il vaccino costituisce una risorsa?

Il vaccino è efficace contro l’H.P.V. 16 e 18, responsabili del 70% del cervico-carcinoma. È verosimile che il vaccino, per reazione crociata, sia capace di prevenire le conseguenze cliniche dell’infezione anche da parte di altri tipi di H.P.V. immunologicamente simili. 

 

La vaccinazione rende immuni tutta la vita?

Il vaccino in uso da 10 anni ha evidenziato una buona persistenza dell’immunità specifica e soprattutto l’induzione di una memoria immunitaria. Non si può escludere la necessità di una dose di richiamo dopo un certo numero di anni, ma allo stato attuale non è previsto. 

 

Dopo la vaccinazione non bisogna più sottoporsi all’esecuzione del pap-test?

No, bisogna continuare a fare i controlli annualmente. Infatti il vaccino può prevenire poco più del 70 % dei tumori del collo dell’utero.  

La vaccinazione contro l’H.P.V. costituisce un grande vantaggio per le generazioni future perché consentirà una riduzione della circolazione dell’H.P.V nella popolazione generale. 

Social
Altro dal blog
Quando c’è difficoltà nel raggiungere il piacere.
Oggi il menarca è considerato normale tra 10 ed i 14 anni, talvolta però subentrano delle problematiche del ciclo, che è bene non sottovalutare.
L'efficacia e la comodità delle nuove spirali a basso rilascio di progesterone.
Un esame eseguito da medici competenti e specificatamente preparati, che dispongono di una strumentazione di elevata tecnologia.
Mentre nella donna l’importanza della infezione da HPV è riconosciuta da decenni, nell’uomo l’infezione da HPV è sempre stata considerata di scarsa rilevanza clinica.
Le infezioni da HPV possono degenerare in lesioni precancerose, pericolose sia per la donna che per l'uomo
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 34 | PRIMAVERA 2019 Caterina Murino
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico