MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione

Perchè in autunno perdiamo più capelli?

In autunno perdiamo circa il 20-30% di capelli in più rispetto al solito, ma è un fenomeno normale di rinnovo che riguarda tutti. L'alimentazione può essere un valido aiuto per assicurarne una nuova crescita forte e sana.

Perchè d'autunno perdiamo più capelli?

Quest’estate abbiamo spiegato come mai d’estate si schiariscono i capelli, contrariamente alla pelle che invece si scurisce. Ora, come in molti avrete potuto constatare direttamente sulle vostre teste, vi spiegheremo perchè in autunno perdiamo più capelli.

L’autunno è infatti la stagione in cui, di fronte all’irrigidirsi delle condizioni climatiche, piante e animali rispondono con forme di adattamento analoghe: le prime rilasciano le foglie, i secondi cambiano il pelo. E gli uomini perdono i capelli.

C’è chi riconduce questo fenomeno a una semplice eredità genetica che ha le sue radici nel processo stagionale di muta del pelo tipico dei mammiferi. Altri studiosi invece, ritengono che la causa della perdita di capelli dipenda dalla variazione delle ore di luce e di buio che incide sull’equilibrio ormonale.

Il problema, comunque, riguarda tutti: fino alla fine di novembre (così come in primavera tra marzo e aprile), si perde un 20-30% di capelli in più rispetto al resto dell'anno. In ogni caso, possiamo consolarci: non si tratta di perdite permanenti, ma solo di un rinnovo: i capelli che perdiamo, dovevano comunque cadere. Niente paura quindi, perché sotto ogni capello che cade ce n'é uno nuovo pronto a rimpiazzarlo. Solo che per vedere la sua sostituzione serve un po' di tempo, dato che i capelli crescono di 0,1-0,2 mm al giorno.

L’unica cosa che possiamo fare per coccolare un po’ le nostre chiome, è curare la nostra alimentazione. Certo non esistono cibi in grado di arrestarne la caduta, ma poichè l’alimentazione è fondamentale per la salute di tutto l’organismo -pelle, unghie e capelli compresi, può essere comunque un valido aiuto.

Cosa mangiare, dunque?

Lievito di birra, cereali integrali, soia, piselli e funghi contengono acido pantotenico, vitamina che rinforza e rende lucenti i capelli.

Selvaggina, uova, asparagi, cavoli, ravanelli, crescione, carciofi e spinaci contengono cistina, che stimola invece la produzione di cheratina.

La vitamina A, che aiuta la crescita dei capelli, si trova abbondantemente nella zucca, nelle carote e negli agrumi (ottimi anche per combattere i primi acciacchi di stagione).

La frutta secca, infine,  contiene acidi grassi essenziali, non solo per regoplare il colesterolo, ma anche per nutrire il bulbo.

Categorie
Bellezza
 
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 62.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv