MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Neurologia-endocrinologia-medicina nucleare   Salute e benessere  

Sofferenza neuromuscolare: la tecnica Strain Counterstrain

Dott. Nicola Formenti - Neurologo a Verona
Dott. Nicola FORMENTI
 25 Luglio 2018

Sofferenza neuromuscolare: la tecnica Strain Counterstrain

Una terapia che combina approccio farmacologico e trattamento fisioterapico-osteopatico per risolvere dolori di tipo neuromuscolare.

Dolori cervicali irradiati al braccio e dolori alla zona inferiore della schiena che si propagano alla gamba sono espressioni di una sofferenza di origine radicolare. L'elettromiografia degli arti superiori e inferiori è utile per una diagnosi efficace e, di conseguenza, una terapia idonea.
 

I sintomi più frequenti di una sofferenza a livello neuromuscolare 

Generalmente si presenta con cervicobrachialgia agli arti superiori, e lombosciatalgia agli arti inferiori. Spesso, il paziente si rivolge al medico per un dolore localizzato al rachide cervicale o lombare, che si irradia attraverso le radici spinali fino agli arti con un dolore nevralgico simile a una scossa, di durata variabile e accentuato da pressione, piegamenti o stiramento con manovre specifiche. Possono presentarsi anche alterazioni della sensibilità lungo gli arti, o difficoltà nei movimenti di flessione, estensione, rotazione, inclinazione del rachide cervicale (collo) o lombare (bassa schiena).
 

La diagnosi

Si integrano i dati clinici con la risonanza magnetica o imaging mirato della colonna cervicale e/o lombosacrale, e con lo studio elettromiografico degli arti. L'elettromiografia si svolge attraverso due step: analisi neurografica con elettrodi di superficie per la valutazione dei tronchi nervosi sensitivi e motori e miografia propriamente detta con aghi elettrodi posizionati nel ventre muscolare per l'analisi della funzione muscolare. Viene valutata l'attività a riposo e sotto sforzo dei muscoli indicatori di segmento, in modo da stabilire con sufficiente precisione l'area di lesione e se la sofferenza è in fase acuta, subacuta o cronica.
 

L'approccio alla terapia

La terapia può essere di tipo chirurgico, in caso di deficit neurologici invalidanti o dolore che non si risolve, o medico-fisiatrico in tutti gli altri casi. La terapia medica si avvale di farmaci analgesici e antinfiammatori associati a miorilassanti, per interrompere il circolo vizioso dolore-contrattura-dolore. Dopo la fase dolorosa acuta, consiglio al paziente un approccio integrato con fisioterapia, agopuntura somatica-auricoloterapia e un metodo osteopatico di grande efficacia: Strain Counterstrain.
 

Cos'è la tecnica Strain Counterstrain e quali sono i suoi benefici

È una tecnica manipolativa che si avvale di un approccio neurologico, indiretto, passivo, che non comporta la classica messa in tensione e trust articolare. Questo metodo si concentra su punti tesi e dolenti chiamati Tender Points che permettono di effettuare una scansione rapida delle disfunzioni somato-viscerali del paziente. Facendosi guidare dalla risposta di rilassamento di questi punti, si ottiene il risultato terapeutico voluto, ossia normalizzazione del tono muscolare e risoluzione del dolore.

Tale metodica è entrata in Europa attraverso il lavoro e la diffusione della Jones Institute (California – San Diego) che ha una sede in Europa e una Scuola accreditata in Italia. È assolutamente priva di effetti collaterali, rapida, efficace e indolore per il paziente. In 90 secondi, questa tecnica permette di riportare il muscolo alla tensione normale, liberando fasce, muscoli e segmenti articolari. In genere, sono sufficienti 3-5 sedute a distanza di 5 giorni per risolvere il problema.

Social
Altro dal blog
Nella donna, la percezione del dolore può variare in funzione della fase ormonale
L'elevata sudorazione e un apporto insufficiente di liquidi sono responsabili di un aumentato rischio di disturbi renali
In occasione della Giornata della Sclerosi Multipla, il 30 maggio si parla di buone pratiche quotidiane che migliorano la qualità di vita delle persone con SM.
Se si ha sofferto di scoliosi, è possibile che venga trasmessa ai nostri figli?
L'estetica è solo una piccola parte del problema
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico