MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ginecologia-ostetricia e urologia   Psicologia, psichiatria, sessuologia   Tecnologia  

Fecondazione eterologa a S. Donà di Piave

Fecondazione eterologa a S. Donà di Piave

Già riferimento per la procreazione assistita nel territorio veneziano, l'unità operativa del Dott. Tomei permette ora l'accesso alla fecondazione eterologa.

La fecondazione eterologa si esegue anche a San Donà di Piave, grazie al Dott. Francesco Tomei e alla sua équipe punto di riferimento per la Procreazione Medicalmente Assistita

A distanza di due anni dalla sentenza della Corte Costituzionale che dichiarò incostituzionale il divieto di fecondazione eterologa riportato nella legge 40/2004, infatti, dal febbraio 2016 è stato attivato il servizio di fecondazione assistita con donazione di ovocita o spermatozoi esterni alla coppia a beneficio - anche - della popolazione veneziana.  

La richiesta di PMA c’è sempre stata e coinvolge coppie non solo venete ma anche delle regioni limitrofe. Per l’eterologa, in particolare, le coppie erano costrette ad andare all’estero, soprattutto in Spagna, Portogallo e Belgio, dove era permessa, con costi e ricadute psicologiche, oltre che disagi ambientali, spesso proibitivi. – spiega il dott. Francesco Tomei, direttore dell’equipe medico biologica “Pro.Vitaè” – Grazie al ricorso a banche dei gameti straniere come l’IMER di Valencia, la stessa a cui ricorrono gli ospedali delle Regioni che per prime hanno attivato l’eterologa (Toscana e Friuli), è possibile oggi dare questa opportunità anche alle coppie del nostro territorio. Dal mese di maggio sono 25 le procedure eterologhe effettuate con 9 gravidanze: una percentuale di successo pari al 27,7%, dalle quali aspettiamo fiduciosi i neonati nei primi mesi del 2017”.
 
Dal settembre 2011 il dott. Francesco Tomei, Responsabile della Struttura Dipartimentale di Fisiopatologia, riproduzione umana e banca del seme e degli ovociti dell’Ospedale "Santa Maria degli Angeli" di Pordenone, pratica la fecondazione omologa a San Donà di Piave, sviluppando tecniche e protocolli sicuri per la coppia

Presso il centro di San Donà di Piave è possibile effettuare trattamenti di Procreazione Medicalmente Assistita quali inseminazioni Intrauterine IUI, e i trattamenti FIVET, ICSI, TESA, oltre che alla possibilità di crioconservazione degli ovociti e degli spermatozoi. Ogni anno si effettuano circa 150 cicli di omologa – aggiunge il dott. Francesco TomeiA questa opportunità si affianca oggi la fecondazione eterologa, praticata solo nei casi previsti di sterilità, nei quali non si potrebbe avere una gravidanza con i propri gameti e non dopo i 50 anni per la donna, visti gli alti rischi ostetrici. Anche per questa soluzione, ci si avvale della stessa procedura della omologa, e quindi degli stessi standard di sicurezza. La differenza riguarda il fatto di ricorrere a donatrici molto giovani (20-26 anni), aumentando quindi dall’1,5 al 40% la probabilità di successo in donne oltre i 43 anni. Le regole imposte dalla comunità europea fungono da garanzia sulla scorta di specifiche direttive a cui le banche ed i Centri di PMA devono attenersi”.
 
Il recente rapporto del Censis in collaborazione con la Fondazione Ibsa attesta come 1 coppia su 3 ricorra alle cliniche private per la PMA. Età media, sia dell’uomo (dai 37,7 anni del 2008 ai 39,8 anni del 2016) che della donna (da 35,3 a 36,7 anni) in crescita, livello di istruzione più elevato e una condizione professionale più stabile. Sono coppie che cercano di avere un figlio mediamente da 3,9 anni e i primi dubbi in relazione alla difficoltà di ottenere una gravidanza sono intervenuti dopo 15,5 mesi di tentativi (un tempo più lungo rispetto ai 12,2 mesi del 2008). 

Con questo nuovo servizio diventiamo il punto di riferimento nelle province di Venezia e Treviso, dove il servizio PMA (Procreazione Medicalmente Assistita) è presente già dal 2007. Inoltre siamo il primo gruppo in Veneto ad avere due centri dove pratichiamo la fecondazione eterologa. Un servizio considerevole, se pensiamo che, con oltre 500 cicli di omologa l’anno, rientriamo già tra le prime 10 strutture sanitarie a livello di sistema Italia - afferma Vincenzo Papes, Amministratore delegato del Centro di medicina - Questo è stato possibile a San Donà di Piave grazie alla collaborazione con équipe medico biologiche di altissimo profilo, come quella del dottor Francesco Tomei, riconosciuta a livello nazionale e unica dedicata a tempo pieno alla PMA da Udine a Padova. Inoltre, grazie agli investimenti che nelle due sedi superano il milione di euro per nuovi laboratori, nuove sale di decorso ed installazione di apparati tecnologici specifici, e la professionalità del nostro personale interno”.
 
Il recente rapporto del Censis, in collaborazione con la Fondazione Ibsa, definisce anche i tempi di attesa delle coppie: il 33% delle coppie ha atteso in media meno di 3 mesi prima di iniziare la terapia (si sale al 49% nel caso delle coppie che si sono rivolte a centri privati), il 26% ha atteso tra i 3 e i 6 mesi (si sale al 41% nel caso di pazienti in cura presso strutture private convenzionate), il 24% ha iniziato i trattamenti dopo 6-11 mesi (si sale al 32% tra le coppie in cura presso centri pubblici), il 17% ha atteso un anno e oltre prima di accedere ai trattamenti (la percentuale aumenta al 29% tra chi si è rivolto al pubblico).

Nei nostri centri l’attesa non supera i 3 mesi, che rappresenta il tempo strettamente necessario per intraprendere tutti gli accertamenti e per preparare la coppia a questa nuova esperienza – conclude Vincenzo Papes, Amministratore delegato del Centro di medicina – Siamo consapevoli della frustrazione che può derivare dai tentativi di concepimento falliti, così come della difficile conciliazione tra le esigenze della terapia e del lavoro e la difficoltà per molte coppie di accettare il disagio che deriva dalla sensazione di essere diversi dalle altre coppie. Per questo abbiamo studiato un percorso assistito e guidato per la coppia, che deve poter vivere questo momento nel migliore dei modi possibili”.
 

Tre centri di eccellenza, la prima rete della PMA in Veneto

I trattamenti di PMA vengono effettuati all’interno del Centro di medicina San Donà, in ambienti allestiti secondo i più aggiornati standard tecnologici ed organizzativi. L’équipe medico biologica “Pro.Vitaè” è una delle più importanti in Italia a svolgere attività nel settore della medicina della riproduzione. L’équipe è composta dal Direttore Dott. Francesco Tomei, dal Dott. Massimo Manno responsabile scientifico e del Laboratorio IVF, dalle biologhe Dott.ssa Marta Cervi e Dott.ssa Cristina Favretti. Grazie ad un investimento di oltre 500mila euro, presso il Centro di medicina San Donà di Piave nel 2011 è stato creato un reparto dedicato alla PMA: 400metri quadrati con 2 laboratori (uno di embriologia e uno di semiologia, all’interno dei quali trovano collocazione 4 incubatori, 3 cappe a flusso controllato, 1 micromanipolatore, 1 microscopio invertito, 1 stereomicroscopio e il deposito criogenico per la conservare degli ovociti e degli embrioni), 1 ambulatorio chirurgico dotato dell’impianto di gas medicali e due sale decorso con 6 posti letto.

A Treviso la presenza del Servizio PMA è di più lungo corso, coincidendo con l’apertura stessa della struttura situata a Villorba, avvenuta nel 2007. Presso il Centro di medicina Treviso è presente l’équipe medico-biologica 9.baby, che nasce dall’esperienza di Tecnobios Procreazione, da oltre vent’anni impegnata nel progresso nel campo della fertilità. L’équipe è composta da oltre cinquanta operatori tra medici ginecologi, biologi e sanitari, per la maggior parte formatisi alla Scuola di Fisiopatologia della Riproduzione dell’Università di Bologna, sotto la guida del prof. Carlo Flamigni. L’équipe è coordinata dal Dott. Andrea Borini, direttore e responsabile scientifico di 9.baby.

A Mestre è presente l’équipe medico-biologica del Centro ZeroUno, diretto dal Dott. Francesco Pastorella, già responsabile clinico del Centro di Procreazione Assistita dell’Ospedale “Villa Salus” di Mestre.


Comunicato stampa giugno 2016
Social
Altro dal blog
La diagnosi prenatale comprende indagini strumentali e di laboratorio con la finalità di monitorare il feto sin dalle prime fasi del suo sviluppo fino al parto
Succede frequentemente ma non è una patologia ancora così nota e diagnosticata
Cos’è cambiato dopo la sentenza della Corte costituzionale del 2014, che ha dichiarato l’incostituzionalità del divieto alla fecondazione eterologa.
Qualunque coppia in attesa ha dei dubbi e delle preoccupazioni sul futuro, soprattutto durante la gravidanza.
Oggi, in presenza di infertilità di coppia, è possibile ricorrere alla crioconservazione dei gameti femminili con una metodica non più sperimentale.
C'è una nuova speranza, oggi per le coppie sterili: la donazione di gameti esterni alla coppia consentita dalla fecondazione eterologa.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico