MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ginecologia-ostetricia e urologia   Salute e benessere  

Protesi del pene: disfunzione erettile, intervenire si può

Dott. Marco Cosentino - Urologo Andrologo a Mestre e Padova
Dott. Marco COSENTINO
 17 Dicembre 2018

Protesi del pene: disfunzione erettile, intervenire si può

La soluzione è la protesi, che può essere malleabile o idraulica.

Un intervento innovativo ed efficace: la protesi di pene rappresenta la soluzione definitiva per quei pazienti che soffrono di disfunzione erettile in seguito all’intervento di prostatectomia radicale o per le patologie associate, con un grado di soddisfazione del 97%. Già trattati con successo diversi casi presso Casa di Cura Villa Maria a Padova.  
 

Quando si utilizza la protesi di pene?

Si tratta di un dispositivo medico indicato per il trattamento della disfunzione erettile severa. Questa è definita come l’incapacità o impossibilità ad ottenere o mantenere un’erezione tale da consentire un rapporto sessuale soddisfacente. I pazienti candidabili all’intervento possono appartenere, in teoria, a qualsiasi età dato che i problemi che portano alla disfunzione erettile severa sono diversi. L’intervento è eseguibile in anestesia generale, spinale, peridurale quindi implica una degenza di una notte presso la struttura e, in casi selezionati, ambulatorialmente ed in anestesia locale. Sensibilità e piacere non vengono modificati, solo si ritornerà ad avere una rigidezza che prima non c’era.
 

Quanti tipi di protesi si possono utilizzare?

Ci sono due grandi famiglie di protesi: la malleabile o semi rigida e l’idraulica o tri-componente. Sono completamente diverse tra loro, ma sortiscono lo stesso effetto: ridare rigidità ad un pene che l’aveva persa. La malleabile consiste in 2 cilindri “perennemente rigidi” e comporta avere un pene sempre eretto; l’idraulica, invece, consente di avere un pene sia in posizione flaccida che eretta attivando una piccola pompa situata tra i testicoli che sposta liquido da un serbatoio (nascosto accanto la vescica) ai due cilindri situati dentro il pene. In entrambi i casi, si sostituisce il sistema che produce un’erezione normale con la protesi. Le differenze, oltre che dal punto di vista funzionali, sono anche economiche essendo la protesi idraulica ben più cara rispetto alla malleabile. 



 

Protesi malleabile o idraulica?

Una tecnica innovativa che ho introdotto per primo in Italia consiste nell’impianto della protesi malleabile ambulatoriale ed in anestesia locale: il paziente viene visitato, operato e dopo un’ora dall’intervento può essere dimesso con la protesi impiantata. Privacy ed anonimato rispettati al massimo, più economico rispetto all’intervento con degenza e con meno rischi legati al tipo di anestesia. 
 

Quali altri interventi effettua a Padova?

Un intervento che al tempo stesso risolve un problema e sdogana un tabù è la vasectomia. È una forma di anticoncezionale maschile che consiste nel sezionamento di una parte del condotto che permette agli spermatozoi di fuoriuscire dai testicoli. Non modifica l’orgasmo, il piacere, l’eiaculazione, la quantità di liquido emessa e, soprattutto, non è irreversibile.

Social
Dott. Marco Cosentino - Urologo Andrologo a Mestre e Padova
Hai bisogno di un consulto in
Andrologia
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Marco COSENTINO    
Altro dal blog
Abbiamo indagato questa patologia dell’apparato genitale maschile con il dott. Massimo Capone, membro della Società Italiana di Andrologia, della Società Italiana di Urologia, dell’European Association of Urology, dell’European Society of Sexual Medicine.
Diverse soluzioni per esigenze differenti, nel panorama della medicina sessuale maschile.
Forse è ancora presto per dire addio al Viagra, ma di certo le onde d'urto rappresentano un'importante novità per il trattamento della disfunzione erettile.
Patologia caratterizzata dal restringimento del prepuzio, ossia la pelle che ricopre il glande, può anche manifestarsi a causa di infezioni o infiammazioni.
La migliore soluzione alla disfunzione erettile causata dall’intervento di prostatectomia radicale
Da pochi giorni è operativo in Reparto il dottor Giuseppe Battaglia, già primario a Santorso (VI)
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
MEDICINA MODERNA N° 34 | PRIMAVERA 2019 Caterina Murino
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico