MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Ginecologia-ostetricia e urologia   Neurologia-endocrinologia-medicina nucleare   Salute e benessere  

Salute della Tiroide e Gravidanza

Dott. Pietro Gasparoni - Endocrinologo
Dott. Pietro GASPARONI
 03 Dicembre 2015

Salute della Tiroide e Gravidanza

Durante la gravidanza e sull'impatto che eventuali patologie hanno sull'andamento della gestazione e dello sviluppo fetale.

Qual è il ruolo della tiroide, in particolare nella gestazione?
È quello di garantire il corretto utilizzo energetico da parte delle cellule, pertanto alterazioni funzionali hanno ripercussioni su quasi tutti gli organi ed apparati, sulla funzione cerebrale e cardiaca, sullo sviluppo scheletrico e muscolare, sul ciclo mestruale, la fertilità e l’andamento della gravidanza. La tiroide fetale inizia a funzionare dopo il primo trimestre, pertanto nei primi mesi è importante che vi sia un adeguato apporto ormonale materno. Nel passato, in alcune aree geografiche, l’associazione di gravi condizioni di mal funzionamento tiroideo materno, con carenza iodica, comportava una condizione di ridotto sviluppo cerebrale e fisico chiamata cretinismo. Ma tali condizioni fanno parte della storia della medicina, non dell’attualità: il cambiamento dello stile di vita, le possibilità diagnostiche e terapeutiche moderne hanno fatto sì che l’impatto negativo delle patologie tiroidee sulla donna gravida e sullo sviluppo del feto sia sostanzialmente evitato.


Quali sono i temi da considerare dal punto di vista clinico in corso di gravidanza?
Sono 3:

1) Apporto iodico: accresce il fabbisogno durante la gravidanza, per le necessità del feto, per l’aumentata perdita renale e la minore disponibilità ematica. L’alimentazione dovrà comprendere integrazione con sale iodato, uso di pesce anche in scatola 2-3 volte alla settimana e un paio di bicchieri di latte al dì.

2) Ipotiroidismo: lieve (subclinico) è estremamente frequente, caratterizzato da scarsi sintomi quali la stanchezza fisica e la instabilità del tono dell’umore. È molto raro l’ipotiroidismo grave descritto in passato ed appare del tutto fuori luogo l’allarmismo per un eventuale danno allo sviluppo cerebrale del feto.

Nell’ipotiroidismo subclinico, generalmente sostenuto da patologia autoimmune, vi è un maggior rischio di abortività: la donna già in terapia dovrà adeguare la posologia sostitutiva (è considerato ottimale nel primo trimestre TSH<2.5 mUI) e qualora si riconosca un ipotiroidismo all’inizio della gravidanza la paziente deve esser posta tempestivamente in trattamento sostitutivo.

3) Ipertiroidismo: abbastanza raro il riscontro in esordio di una gravidanza. È importante mantenere una condizione di eutiroidismo farmacologico con l’uso di tireostatici, preferendo il propiltiouracile nel primo trimestre e il metimazolo successivamente. I danni che un ipertiroidismo potrebbe avere sulla madre e il bambino vengono annullati da una corretta terapia.
 

Come affrontare quindi una gravidanza?
È opportuno eseguire un controllo della funzione della tiroide in fase preconcezionale o all’inizio della gravidanza in donne con storia di disfunzione tiroidea o malattie autoimmuni personali o familiari e/o residenti in una zona nota per essere a moderata-severa carenza iodica.

Leggi anche:
> Tiroide: necessario informare e sensibilizzare

Vuoi contattare il Dott. Gasparoni in merito a tiroide e gravidanza? Scrivigli a: pietro.gasparoni@medicinamoderna.tv

Social
Altro dal blog
Serie di incontri gratuiti aperti alla cittadinanza con medici specialisti
Al via il “Tour della Prevenzione”, una serie di incontri gratuiti, in cui gli specialisti del Centro di medicina presenteranno buone norme per prevenire alcune malattie tra le più diffuse.
Curando le alterazioni nell’organismo anche attraverso lo stile di vita.
Distinguere precocemente tra nodulo benigno e maligno può essere determinante
La diagnosi prenatale comprende indagini strumentali e di laboratorio con la finalità di monitorare il feto sin dalle prime fasi del suo sviluppo fino al parto
Succede frequentemente ma non è una patologia ancora così nota e diagnosticata
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico