MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Salute e benessere  

Fratture vertebrali e osteoporosi: il dramma della fragilità ossea

Dott. Simone Peressutti - Neurochirurgo
Dott. Simone PERESSUTTI
 27 Febbraio 2018

Fratture vertebrali e osteoporosi

La popolazione invecchia e l'osteoporosi cresce, e con essa anche le fratture.

L'osteoporosi è una malattia caratterizzata dalla riduzione della massa ossea e dal deterioramento microarchitettonico del tessuto osseo. Le probabilità di ammalarsi aumentano non l'aumentare dell'età, per la donna già a partire dalla menopausa.

 

Quanto sono frequenti le fratture vertebrali in chi soffre di osteoporosi, e perché

Le fratture alle vertebre sono le più frequenti tra chi soffre di osteoporosi, e colpiscono il 23% delle donne e il 15% degli uomini per un totale di 4,8 milioni di italiani, dato molto elevato. Nelle donne tra i 50 e i 60 anni, l'incidenza è superiore di circa un terzo rispetto agli uomini, addirittura raddoppiando dopo i 70 anni. Il rischio di fratture aumenta nelle donne dopo la menopausa a causa di un mutato assetto ormonale che favorisce, tra l'altro, l'osteoporosi. In questo contesto, l'aumentata fragilità dell'osso fa sì che anche semplici attività quotidiane come flessioni in avanti, torsioni o sollevamento di pesi anche leggeri possano provocare una frattura.

 

Come avviene la diagnosi

L’osteoporosi è una malattia asintomatica, che si aggrava senza dar segno di sé, finché non avviene una frattura. Quando un paziente si rivolge al curante, lamentando tipicamente un dolore acuto, talvolta anche lieve ma costante per alcune settimane tipicamente nella zona dorso-lombare, deve essere subito inviato a consulenza specialistica, soprattutto se soggetto a rischio (donna, anziano, osteoporotico). In tale sede verrà effettuato un esame obiettivo, indagata la storia del paziente (soprattutto se ci sono stati dei traumi diretti o indiretti) ed avviato un eventuale percorso diagnostico, che si può avvalere di radiografie, TAC e risonanza magnetica.
 

Quali sono le possibilità di trattamento non invasivo

Il primo atteggiamento solitamente è quello conservativo: se la frattura non ha causato deficit neurologici, possiamo procedere gestendo il dolore con una terapia farmacologica a base di antiinfiammatori ed analgesici, riposo per brevi periodi e uso di busti. In una fase successiva, sarà necessario un programma di riabilitazione motoria e terapia farmacologica per l’osteoporosi, per evitare delle recidive. In questi casi, in cui il trattamento deve proseguire per settimane o mesi, si verifica purtroppo una scarsa partecipazione da parte del paziente. Se il percorso non va a buon fine, o il dolore è particolarmente invalidante, le moderne tecniche percutanee permettono in regime di day surgery di riparare la vertebra mediante iniezione di cemento, l’uso di palloncini o di “protesi vertebrali” che risollevano la vertebra.

 

Che procedure prevedono 

Le moderne tecniche di vertebroplastica o cifoplastica sono in grado di riportare la vertebra alla normale anatomia risolvendo immediatamente il dolore e correggendo il difetto con immediatezza. Il controllo anestesiologico consente al paziente di non avvertire dolore. Inoltre, i rischi chirurgici sono minimi e il recupero delle normali funzioni è molto rapido.

Social
Altro dal blog
La densitometria ossea, con una dose minima di raggi X, è in grado di confermare un eventuale dubbio diagnostico di fragilità ossea.
È errore molto comune credere che l'osteoporosi colpisca solo le donne. In realtà questa patologia affligge anche milioni di uomini in tutto il mondo, con conseguenze spesso molto gravi.
A Treviso, Conegliano e Padova i medici si mettono a disposizione per sensibilizzare su una patologia tanto insidiosa quanto sottovalutata.
Traumi, stenosi, discopatie, ernie, osteporosi: lo stress alla colonna vertebrale, con conseguenti dolori più o meno gravi, si manifesta in diversi modi.
Sintomatologia, diagnosi e trattamento; più qualche consiglio per la prevenzione.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
Medicina Moderna
Medicina Moderna
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico