MedicinaModerna | Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione
Oculistica   Salute e benessere  

La monovisione con lenti intraoculari

Di: Dott. Claudio GORLA

Una valida opzione per una soddisfacente visione senza necessità di utilizzare gli occhiali.

Dott. Gorla, in cosa consiste la monovisione con lenti intraoculari?
Esistono casi in cui l'intervento alla cataratta coinvolga entrambi gli occhi del paziente. In tal caso, è possibile che il chirurgo proponga al paziente una soluzione che potrebbe sembrare “anomala” ma che in realtà ha dimostrato sinora risultati apprezzabili: la monovisione.

Significa che l'intervento mette un occhio in condizione di vedere bene da vicino, e l'altro da lontano. Si tratta di una condizione inizialmente delicata in quanto prevede un periodo di adattamento a una visione non abituale e vanno certamente considerate anche una diminuita sensibilità al contrasto e alla percezione della profondità.
 
Tuttavia, rimane comunque una tecnica valida per una soddisfacente visione senza necessità di usare gli occhiali.


Leggi anche:
>> Percorso vista, il consulto è gratuito
Dott. Claudio Gorla - Oculista a Treviso e Mestre
Hai bisogno di un consulto in
Oculistica
?
Contattami, è semplice e veloce!
    Dott. Claudio GORLA    
Altro dal blog
Oggi riusciamo a correggere efficacemente i difetti visivi anche in pazienti che 10 anni fa non potevano essere trattati.
Laser a femtosecondi, tutti i dettagli su un “intervento” in grado di correggere praticamente tutti i difetti visivi.
Con il laser a femtosecondi, l'intervento correttivo dei difetti visivi aumenta in sicurezza e precisione. Liberarsi da occhiali e lenti a contatto è sempre più semplice.
Ora è possibile migliorare e correggere un difetto visivo senza chirurgia, grazie all’uso di speciali lenti a contatto gas permeabili che, indossate di notte, rimodellano la superficie della cornea permettendo una visione ottimale di giorno, senza bisogno
Esame rapido e non invasivo, l'OCT è indicata per pazienti nei quali si sospetti una malattia della cornea, della retina o del nervo ottico.
Correggono le alterazioni della curvatura corneale e proteggono la cornea sia in pazienti che soffrono di occhio secco sia in caso di cheratocono, cheratoglobo o post chirurgia refrattiva.
 
Video correlati
 Consulto  Abbonati  Distribuzione  Newsletter
Ultima uscita
Iscriviti alla nostra newsletter. Riceverai gratuitamente una copia del numero più recente di Medicina Moderna
Io sottoscritto/a dopo avere ricevuto le informazioni di cui all'art. 13.1 e 14.1 del GDPR e in base all'art.7 del medesimo regolamento, nonché in conformità alla normativa vigente:
al trattamento dei Dati per finalità di Marketing diretto di cui all’art. 2 lett. b.i) dell’Informativa, per invio di comunicazioni commerciali e promozionali tramite modalità automatizzate di contatto ( per es. posta elettronica, whatsapp, mms, sms).
Sei già registrato? Inserisci la tua email per conferma
Scarica qui
  Tutte le riviste
I nostri partner
 
MEDICINA MODERNA
Periodico on-line di medicina, informazione, salute e prevenzione iscritto al n. 142 del Registro stampa del Tribunale di Treviso del 10/05/2010
Direttore responsabile Marco Toffolatti De Marchi | Edito da Pubblivision S.r.l. Cison di Valmarino (TV)
C.F. Registro delle imprese e P.I. 04051870261
Capitale Sociale € 12.500,00 i.v.
Tel. 0422 697958 | Fax 0422 313994
redazione@medicinamoderna.tv
I contenuti di questo sito e le informazioni o consulenze rilasciate mediante utilizzo dei servizi dedicati hanno scopo meramente divulgativo e non si sostituiscono diagnosi o visite mediche. Medicina Moderna declina ogni responsabilità in relazione alla correttezza ed esaustività di tali contenuti, informazioni, consulenze e risposte degli specialisti, ed invita i lettori ed utenti del sito a chiedere sempre il parere del proprio medico